Nei Colli Orientali del Friuli, tra boschi e vigne, abbiamo risalito le alture alla spalle dell’abitato di Savorgnano del Torre. Risalendo il Rio Maggiore abbiamo incontrato carpini e ontani, con i piedi... pardon! le radici immerse nell'acqua. Mentre risalivamo Punta Bellone abbiamo notato gli occhietti dei protettissimi ululoni dal ventre giallo che ci scrutavano dalle pozze e, dopo aver superato uno spinoso (e non spinoso) agrifoglio, siamo arrivati sulla cresta. Qui abbiamo trovato della sabbia, portata quassù da... cicli geologici e erosivi. Sul crinale abbiamo incontrato querce e castagni maestosi, il cui legno e i cui frutti erano una risorsa fondamentale per gli abitanti di queste terre.

Tra farfalle, rospi e false fragole abbiamo potuto osservare da vicino le fantastiche capacità mimetiche della Natura.

Al rientro siamo quindi passati tra i vigneti, simbolo di questo territorio DOC, dai quali abbiamo potuto spaziare con lo sguardo sull'intera pianura friulana, con il castello di Udine in lontananza, per poi tornare tra le case di Savorgnano.

Ciclo di Escursioni a piedi 2020
Estate nelle Valli del Torre

 

Sabato 4 luglio (Pomeriggio)

 

Alberi maestosi: tra querce e castagni

 

____________

 !!!
In questo particolare periodo per partecipare alle escursioni in gruppo accompagnati dalle guide di ForEst è necessario prendere visione delle norme di comportamento riportate in fondo alla pagina.

____________

 

E' possibile scaricare le foto dell’Esperienza dalla galleria.

Condividi le vostre foto su Facebook taggando @Forest.studio.natura

o su Instagram con l’hashtag #studioforest!

 


 

Clicca sull'immagine in cima alla pagina per tornare alla pagina principale 

oppure

Share This