Foto di A. Mugnari

RUBRICA di AGROECOLOGIA

Benvenuti nella rubrica di ForEst dedicata all'agroecologia!
Qui potrete trovare alcune "pillole" di sostenibilità ambientale riguardanti il mondo dell'agricoltura e dell'allevamento.

 

LE RUBRICHE DI FOREST
Autunno 2020

 

 

1. ERBA E LATTE KM0

Il latte è il risultato di una trasformazione incredibile che parte dal sole. Le foglie, centrali energetiche efficentissime, riescono a convertire luce, acqua e sali minerali in zuccheri, che verranno usati per far crescere le piante. E poi? Beh, poi serve l'intervento di un mammifero... e così le piante si trasformano in latte!
Ma è sempre così?

 

Il foraggio

Anticamente questo era l'unico modo per produrre latte e richiedeva la presenza di un elemento fondamentale: l'erba. Originariamente il foraggio era sempre locale: se l'erba verde non veniva direttamente mangiata dal bestiame al pascolo, era precedentemente sfalciata per essere servita nelle mangiatoie sotto forma di fieno.

(foto di A. Mugnari)

 

I mangimi

Ora le cose stanno cambiando. Negli ultimi decenni si sono sempre più diffusi altri alimenti per il bestiame: i mangimi. Composti da farine o da prodotti (e sottoprodotti) della lavorazione di sostanze vegetali o anche di origine animale, possono contenere vari additivi, a seconda delle esigenze. Tra questi si possono trovare gli antibiotici, addizionati non solo a scopo terapeutico ma anche per aumentare la velocità di crescita del bestiame.
Questi mangimi possono essere impiegati in modo sano, per integrare la dieta del bestiame nelle stalle durante l'inverno, ma spesso costituiscono l'alimento principale durante tutto l'anno per animali che, a volte, non vedono un pascolo in tutta la loro vita.

 

Il latte km0

Si è quindi passati da una "catena di produzione" molto corta e trasparente (luce + acqua + sali -> erba -> bestiame -> latte) ad una molto più lunga e difficile da definire, dove il bestiame può mangiare prodotti ottenuti da altri animali e "conditi" con medicinali prima di produrre il latte.
Con il pascolo e lo sfalcio la produzione era veramente km0, dall'inizio alla fine, e il ciclo produttivo si chiudeva con il letame che tornava a concimare l'erba dei prati e dei pascoli.
I mangimi, invece, possono essere passati per innumerevoli trasformazioni e provenire da luoghi remoti e ignoti. Eppure il latte è sempre prodotto a "km0"...

Per fortuna esistono ancora esempi virtuosi, anche se trovarli non è sempre facile: non tutto ciò che è oro brilla.
Dal momento che l'acquisto di un prodotto è un atto politico, ricordiamoci che esiste latte e latte.

Share This